La nostra STORIA

La necessità di costituire l'ALTE

Verso la fine degli anni '80, una conseguenza naturale della diminuzione delle barriere europee fu l'aumento della mobilità internazionale, con la società che aveva quindi bisogno di diventare sempre più multilingue. Ciò, a sua volta, ha stimolato la necessità di migliorare la qualità dell'insegnamento delle lingue e della valutazione linguistica, così da renderla adatta ai singoli candidati all'esame e agli altri soggetti interessati - datori di lavoro, istituti scolastici o enti governativi. Era particolarmente importante che le certificazioni linguistiche riflettessero correttamente e accuratamente ciò che un candidato era in grado di fare durante lo svolgimento delle prove in una certa lingua e il livello a cui poteva farlo.  Inoltre, parallelamente alla necessità degli apprendenti di sviluppare una competenza plurilingue, cresceva anche la necessità che i livelli di conseguimento fossero accuratamente confrontati fra le diverse lingue e che la certificazione venisse riconosciuta in tutto il mondo.

Al momento della costituzione dell'ALTE non esistevano quadri riconosciuti a livello internazionale e la certificazione linguistica era variabile nei termini dei livelli a cui si riferiva. Tuttavia, tanto gli sviluppatori di esami che gli utenti stavano cominciando a rendersi conto che c'era bisogno di un meccanismo per comprendere i livelli e cosa questi intendessero, e in che rapporto erano tra di loro gli esami nelle diverse lingue, sia in relazione al contenuto che al livello. È in questo contesto che si è costituita l'ALTE e che sono stati articolati i suoi obiettivi.

 L'idea di un'associazione di esaminatori linguistici che avrebbe iniziato ad affrontare questi problemi, condividere competenze e confrontare esperienze è stata inizialmente proposta da Mike Milanovic, che a quel tempo era a capo della nuova Unità di Valutazione all'interno del Dipartimento EFL dell'UCLES (Università di Cambridge Local Examinations Syndicate), ora Cambridge Assessment English. Milanovic ha osservato che in Europa "mentre c'erano piccoli gruppi di persone impegnate nell'attività di testing linguistico, per gli scopi delineati negli obiettivi ALTE, c'era poca comunicazione tra i soggetti che lo facevano. L'inglese era già la lingua più insegnata e valutata in quel momento, ma il bisogno di valutazione in altre lingue stava crescendo rapidamente.  Il problema era come garantire qualità ed equivalenza.”

L'ALTE cresce negli anni '90

L'ALTE crebbe rapidamente nei primi anni di attività e fu istituita utilizzando una struttura giuridica europea, quella di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE), la cui registrazione fu completata con successo nel Febbraio del 1992.

Nel 1993, una serie completa di documenti a supporto degli obiettivi dell'ALTE costituiva la base di un toolkit per supportare lo sviluppo degli esami di lingua, compreso il Codice di Condotta dell'ALTE e l'istituzione di un quadro descrittivo comune dei livelli di competenza, per consentire che potesse essere effettuato un confronto tra esami e per vedere in che misura questi erano raffrontabili.

Il framework dell'ALTE, insieme al progetto ‘Can-Do’, che fornisce definizioni di ciò che gli studenti di lingue possono effettivamente fare all'interno di numerose diverse categorie, ha contribuito a costituire la base del Quadro Comune Europeo di Riferimento (QCER) per l'insegnamento, l'apprendimento e la valutazione delle lingue.  Nell'Aprile del 1998, in occasione del sedicesimo meeting dell'ALTE, il Consiglio d'Europa ha espresso apprezzamento per l'importante contributo dell'ALTE alla sperimentazione e all'ulteriore sviluppo del Quadro Comune Europeo.

Alla fine degli anni '90 si contavano 19 Membri Effettivi, rappresentanti 16 diverse lingue.  L'ALTE accolse Membri Associati con sede al di fuori dell'UE e dell'EEA e l'atto costitutivo fu nuovamente redatto nel 1999 per tenere conto di questo fenomeno. Furono istituiti dei sotto-gruppi (ora Gruppi di Interesse Speciale (SIG). Il Maggio del 2000 segnò il primo meeting di tre giorni dell'ALTE, che includeva la prima Giornata di Convegno ALTE aperta a tutti, con una presenza di oltre 100 partecipanti.

L'ALTE nel 21° secolo

Il 2001 fu stato designato Anno europeo delle lingue dal Consiglio d'Europa, dall'Unione europea e dall'UNESCO e l'ALTE organizzò il suo primo convegno internazionale per celebrare l'iniziativa. Il convegno di Barcellona fu il più grande mai tenuto in Europa sul testing linguistico, con più di 350 delegati provenienti da oltre 35 paesi partecipanti. Il secondo convegno internazionale dell'ALTE si tenne a Berlino nel 2005, con l'istituzione di convegni internazionali ogni tre anni da allora in avanti: 2008 (Cambridge), 2011 (Kraków), 2014 (Paris) e 2017 (Bologna).

Dal 2005 in poi, l'ALTE iniziò ad erogare corsi sulla valutazione linguistica. Nel 2007 fu introdotto lo status di affiliato sia per le istituzioni che per i singoli individui al fine di ampliare la partecipazione, ed istituito un Comitato Esecutivo che doveva essere il più alto organo decisionale all'interno dell'ALTE.

Lo sviluppo del Codice di Condotta e successivamente del Sistema di Gestione della Qualità ALTE (QMS) ha seguito uno sviluppo continuo negli anni 2000 ed è considerato dai membri dell'ALTE come la pietra miliare nel perseguire l'obiettivo di garantire la qualità nello sviluppo degli esami di lingua europei. Tale obiettivo ha portato alla definizione di 17 Standard Minimi, all'introduzione del sistema di auditing per gli esami dei membri dell'organizzazione e, nel 2012, all'introduzione del bollino Q-Mark dell'ALTE.

È possibile trovare una lista completa dei Convegni Internazionali dell'ALTE, dei Meeting e dei Convegni Biennali qui.

Sviluppato da Wild Apricot Membership Software