Massimizzare l'Impatto

Condividiamo la visione dell'ALTE in merito alla necessità di creare collegamenti tra apprendimento e valutazione - e tra ricerca, politica e pratica. 

Tibor Navracsics,  Commissario per l'istruzione, la cultura, la gioventù e lo sport (UE)


L'ALTE promuove e agevola le piattaforme in cui possono emergere e svilupparsi sinergie nel tempo - sinergie tra l'apprendimento delle lingue, l'insegnamento e la valutazione, ma anche tra ricerca, politica e pratica, e tra diversi territori geografici e settori di competenza. 

Riunendo i diversi attori nel campo dell'educazione linguistica, ALTE incoraggia un approccio olistico e collaborativo per affrontare questioni attuali. A sua volta, questo approccio aiuta a connettere esperti e campi che altrimenti rimarrebbero isolati e massimizza l'impatto del loro lavoro in tutto il mondo. 

Collegare ricerca, politica e pratica

L'ALTE ha una lunga esperienza nel facilitare il dialogo tra responsabili politici, ricercatori e professionisti. 

L'ALTE collabora con il Consiglio d'Europa e la sua Unità per la Politica Linguistica fin dagli anni '90, contribuendo così in maniera rilevante alla stesura del Quadro Comune Europeo di Riferimento (QCER). Nel 2003, l'ALTE ha ottenuto lo status di partecipante come Organizzazione non governativa internazionale (INGO) nel Consiglio d'Europa e nel 2010 ha aderito al Forum Professionale di recente creazione sull'Educazione Linguistica, oltre ad aver firmato un accordo di cooperazione con il Centro Europeo per le Lingue Moderne (ECML). L'ALTE ha redatto numerose pubblicazioni per conto del Consiglio d'Europa, come il Manuale per lo Sviluppo e l'Analisi dell'Esame di Lingua e Gli Esami di Lingua per l'accesso, l'integrazione e la cittadinanza. La collaborazione è ancora molto attiva, specialmente in relazione a questioni legate alla valutazione delle competenze linguistiche dei migranti, come dimostra la collaborazione del SIG LAMI ad un'indagine sulle politiche linguistiche e sui requisiti linguistici per i migranti che si svolgerà nel corso del prossimo anno, con i risultati e una relazione finale pronti entro la fine di marzo 2019. 

L'ALTE ha inoltre svolto un ruolo chiave nella strategia dell'UE per promuovere il multilinguismo. Nel 2012, un consorzio di membri dell'ALTE ha sviluppato l'Indagine Europea sulle Competenze Linguistiche per conto della Commissione Europea, volta a misurare in tutta Europa le competenze nelle lingue straniere di soggetti di 15 anni di età. L'ALTE è stato anche un membro della Commissione Europea per la Piattaforma della società civile per il multilinguismo, e partecipa regolarmente a meeting e convegni dove gli esperti dell'ALTE lavorano insieme alle istituzioni europee con potere decisionale per aiutare a promuovere gli ulteriori sviluppi politici nell'ambito dell'educazione linguistica. ALTE si impegna con i MEP e altre parti interessate nella realizzazione dell'evento annuale della Giornata Europea delle Lingue al Parlamento Europeo. Anche la Commissione Europea ha dato un contributo di rilievo agli eventi ALTE, tra cui il discorso che Tibor Navracsics, il Commissario per l'Istruzione, la Cultura, la Gioventù e lo Sport, ha tenuto nel 2016 al Parlamento Europeo, in occasione della Giornata Europea delle Lingue dell'ALTE, sull'importanza del multilinguismo e della diversità linguistica in Europa.

L'ALTE è stata coinvolta in numerosi altri progetti riguardanti il legame esistente tra ricerca, politica e pratica. Nel 2007 il progetto Transvalp, guidato da AFPA, Francia, ha proposto le 'Competenze linguistiche professionali' (Compétences Linguistiques Professionnelles), che sono tra i descrittori can do che correlano i compiti linguistici legati al mondo del lavoro al Quadro Comune Europeo. Il risultato sono, descrittori dettagliati delle attività linguistiche specifiche all'interno di un determinato lavoro, correlati a un determinato livello del QCER. Ciò ha portato allo sviluppo di esami linguistici specifici per il mondo del lavoro volti all'ottenimento di qualifiche professionali - in grado di garantire che i candidati siano in possesso delle competenze linguistiche necessarie per accedere a una determinata professione.


Collegare apprendimento linguistico, insegnamento e valutazione

L'ALTE difende una visione integrata dell'apprendimento linguistico, in cui l'insegnamento e la valutazione giocano un ruolo chiave per uno sviluppo positivo delle competenze linguistiche. Se usati in modo improprio, gli esami possono diventare l'obiettivo dell'apprendimento e dell'insegnamento linguistico e troppo spesso anche delle barriere per lo sviluppo accademico, personale e professionale (ad esempio, quando vengono utilizzati per l'accesso all'università o per ottenere la cittadinanza). L'ALTE difende un uso corretto degli esami di lingua per aiutare gli studenti a progredire lungo tutto il percorso di apprendimento, garantendo un impatto positivo della valutazione su quest'ultimo. 






Collegare esperti di diversi campi tecnici e territori geografici

L'ALTE sviluppa delle piattaforme dove esperti provenienti da diversi settori e parti del mondo possono discutere rispetto a sfide comuni e buone pratiche nel campo dell'educazione linguistica. L'ultimo convegno internazionale ALTE ha ospitato delegati da più di 40 Paesi, proponendo presentazioni di esperti in inclusione socio-linguistica, testing sulla lingua dei segni e machine learning.  




Sviluppato da Wild Apricot Membership Software